Banca dati CSV

Banca Dati CSV Rovigo

Progetto finanziato

IL DONO DEL SANGUE: LINGUAGGIO UNIVERSALE

Codice:PR08SOL537
Tipologia progetto:Progetti di solidarietà
Settore intervento:Socio-sanitario
Associazione:AVIS PROVINCIALE ROVIGO
Referente:Gianluca Braga
Anno:2008
Anno avvio:2008
Anno conclusione:2008
Durata:
Scadenza prevista:2008-11-30
Bando:
Volontari coinvolti:10
Utenti finali:15000
Costo preventivato:14.000,00 EURO
Costo ammesso:11.200,00 EURO
Finanziamento richiesto:11.200,00 EURO
Percentuale finanziamento:100.00 %
Finanziamento concesso:11.200,00 EURO
Finanziamento spettante:11.200,00 EURO
Prima rata:5.600,00 EURO
Data prima rata:2008-06-26
Data liquidazione:2008-12-12
Finanziamento totale:11.200,00 EURO
Costo totale consuntivo:14.137,80 EURO
Percentuale finanziamento consuntivo:79.22 %
Residui:0,00 EURO

Obiettivi:
1.Promozione di una cultura del dono sempre pi? partecipata e consapevole sulla scia di quanto gi? intrapreso attraverso iniziative precedenti che hanno riscontrato incremento di iscritti. 2.Creazione di vivai di solidariet? favorendo la nascita di momenti aggregativi finalizzati alla diffusione ed alla sensibilizzazione delle attivit? svolte dall'associazione. 3.Diffusione della cultura del dono presso i giovani favorendo la partecipazione alle attivit? associative. 4.Incremento della visibilit? dell'associazione e promozione delle finalit? e delle sue attivit?. 5.Amplificazione del messaggio della Giornata Mondiale del Donatore, da alcuni anni celebrata in tutto il mondo, concentrandola nella festa provinciale del donatore.

Descrizione:
Le attivit? di sensibilizzazione effettuate negli scorsi anni si sono concluse tutte con esito positivo producendo nuovi iscritti (da 8894 nel 2005 a 10214 nel 2007), specie fra i neo-diciottenni, avvicinando persone e soprattutto informando e formando coscienze consapevoli del valore di una cultura del dono viva, partecipata e consapevole. Da queste considerazioni ? nato il progetto che ha inteso essere continuazione delle azioni intraprese migliorandone efficacia comunicativa ed incisivit? tramite le seguenti azioni: 1.organizzazione di incontri specifici nelle scuole di Rovigo e Villanova del Ghebbo ( ottobre e novembre ?08); incontri all?Universit? Popolare di Villanova del Ghebbo ( novembre ?08) con materiale adeguatamente predisposto e preparato; 2.selezione e formazione specifica di personale associativo per testimonianze dirette, ed esperienze vissute in prima persona che ispirino l'ascoltatore a donarsi, donare e far donare al fine di scongiurare il rischio emergenza; 3.adeguamento dei mezzi e dei punti informativi a disposizione dell'AVIS con metodologie, attrezzature, materiale e messaggi il pi? possibili accattivanti; 4.organizzazione ad Adria, - in Basso Polesine, terra fertile in termini di donatori e con il tasso di natalit? statisticamente pi? elevato-, della Giornata Mondiale del Donatore nell?ambito della festa provinciale (giugno 2008); 5.realizzazione di un concerto e di un convegno; consegna di distintivi ai donatori che hanno fatto la storia dell?Avis di Adria e provinciale nell?ambito della festa provinciale; 6.realizzazione e partecipazione a momenti di aggregazione in diverse localit? del Polesine: Festa in piazza a Guarda Veneta( luglio ?08) e a Melara (agosto ?08); Maratona del Delta ad Albarella ( settembre ?08).

Risultati:
1.Avvicinamento della cittadinanza; 2.promozione della cultura del dono riscontrabile dal numero degli iscritti; 3.avvicinamento di atleti provenienti da 13 nazioni diverse; 4.produzione di materiale promozionale (opuscoli, articoli ed inserzioni sulla stampa.

Elementi di innovazione:
1.Coinvolgimento di ambienti ?estranei? al normale processo di sensibilizzazione (scuola, universit? popolare, momenti di aggregazione); 2.coinvolgimento delle scuole per arrivare ai genitori interessando la nuova generazione ma anche il modo di pensare gi? orientato degli adulti; 3.coordinamento delle forze reperite nei vari settori di indirizzo: scuola, giovani, sedi Avis evitando di disperdere forze ma piuttosto concentrando sinergie; 4.agire in modo preparato con un supporto logistico e territoriale adeguato proponendo un modello di riferimento facilmente individuabile perch? costante e continuativo. 5.coinvolgimento diretto dei giovani e dei neo-soci via via raccolti durante il percorso. 6.incontri di programmazione e monitoraggio con la sede Nazionale con aggiornamento delle proposte in base alle innovazioni che si sono succedute.

Monitoraggio:
Il monitoraggio e la valutazione dell'iniziativa si ? svolta con i seguenti strumenti: 1.distribuzione di moduli per la raccolta degli indici di gradimento delle iniziative e dei suggerimenti per il miglioramento dell'immagine trasmessa; 2.raccolta anonima delle impressioni sulla percezione dell'associazione da parte di soggetti esterni ad essa; 3.valutazione statistica dell'incremento/decremento degli iscritti.
Report generato il 22/10/2019 alle ore 09:05:23 dalla banca dati di CSV Rovigo