Banca dati CSV

Banca Dati CSV Rovigo

Progetto finanziato

"LUCE ROSA NEL MONDO" CAMPAGNA DI PREVENZIONE DEL TUMORE AL SENO

Codice:PR07COM445
Tipologia progetto:Progetti di promozione e comunicazione sociale
Settore intervento:Socio-sanitario
Associazione:ASSOCIAZIONE NAZIONALE DONNE OPERATE AL SENO COM. PROV. DI ROVIGO
Referente:Anna Maria Cavallari Monesi
Anno:2007
Anno avvio:2007
Anno conclusione:2007
Durata:
Scadenza prevista:2008-10-31
Bando:
Volontari coinvolti:28
Utenti finali:300
Costo preventivato:1.213,00 EURO
Costo ammesso:970,40 EURO
Finanziamento richiesto:970,40 EURO
Percentuale finanziamento:100.00 %
Finanziamento concesso:970,40 EURO
Finanziamento spettante:970,40 EURO
Prima rata:485,20 EURO
Data prima rata:2007-11-19
Data liquidazione:2007-11-21
Finanziamento totale:970,40 EURO
Costo totale consuntivo:1.223,34 EURO
Percentuale finanziamento consuntivo:79.32 %
Residui:0,00 EURO

Obiettivi:
Gli obiettivi iniziali erano innanzitutto la divulgazione della necessit? di una diagnosi precoce ed una maggior sensibilizzazione attraverso il confronto e il dialogo. Infatti, i vantaggi presentati da una diagnosi tempestiva sono molteplici ed ? indubbio che si riflettano sulla prognosi, sulla qualit? di vita della paziente e di conseguenza sulla cura e sulla riabilitazione, intendendo per questa il pieno recupero del s? psico-fisico ed il reinserimento in famiglia e nella societ?. Ma tutto ci? ? reso maggiormente possibile anche grazie ad una corretta e costante informazione. Il progetto si proponeva, inoltre, un ulteriore intento di notevole rilevanza: l'indiretta riduzione della mortalit? per cancro grazie alla diagnosi precoce. Va osservato che sino alla met? del secolo scorso essere colpiti da tumore al seno significava quasi sempre morirne, mentre negli ultimi decenni, circa il 65% delle donne guarisce per sempre; ed anche se le previsioni segnalano che ci si ammaler? di pi? il tasso di mortalit? continuer? a scendere, specialmente nelle pi? giovani, grazie ai frequenti controlli diagnostici. Oltre a soddisfare la finalit? primaria della prevenzione insita nella sua proposizione, il progetto ? riuscito a determinare altri importanti scopi sociali ed affettivi, quali la considerazione del ruolo attivo delle volontarie ANDOS come leader nella comunicazione-informazione attraverso il racconto pubblico della propria esperienza e la gestione e il contenimento delle ansie delle donne sane, come conseguenza dell'avvicinarsi ad un argomento che suscita paura e negazione.

Descrizione:
L'attivit? ? stata svolta, in principio, attraverso la stampa di depliant, manifesti e quant?altro ? stato ritenuto utile per la divulgazione dell?evento. Il tutto ? stato adeguatamente scritto in lingua italiana ed in lingua inglese, poich? non era da trascurare la massiccia presenza di donne extra-comunitarie presenti sul territorio. Il materiale informativo ? stato poi distribuito in modo capillare su tutto il territorio della Provincia di Rovigo. Sono stati consegnati: un opuscolo informativo sui corretti stili di vita per la prevenzione del cancro della mammella, attraverso i canali ANDOS ed i partners aderenti al progetto; un volantino recante brevi e sintetiche informazioni sul tumore al seno e sui tumori ginecologici. Il progetto ha poi previsto l'attivazione di un??quipe operativa che ? stata a disposizione per tutto il mese di ottobre a cadenza settimanale presso gli ambulatori dell?Associazione, per informazioni, consigli e visita senologica gratuita. Particolare attenzione ? stata riservata alla fascia femminile straniera che non possiede una logica preventiva a riguardo. Tutte le mattine del mese di ottobre ? stato attivo anche il call center, un servizio di telemarketing dove operatori volontari hanno divulgato l?importanza delle prestazioni offerte. Per il lancio dell'evento attraverso i mezzi di comunicazione, ? stata organizzata una Conferenza stampa in collaborazione con l'Amministrazione Provinciale di Rovigo.

Risultati:
Il risultato principale ottenuto ? stato l'inserimento del concetto di diagnosi precoce nel percorso di vita delle donne che si sono avvicinate al progetto, sia telefonicamente che di persona, attraverso i colloqui, lo scambio di informazioni e, in particolare, la visita senologica. Gli utenti coivolti erano donne presumibilmente residenti nella provincia di Rovigo, anche se ci sono state alcune adesioni dalla provincia di Ferrara. I contatti telefonici sono stati oltre 300, mentre le visite effettuate sono state 183. Per 17 donne, rispetto a queste 183 sottoposte a visita, ? stato consigliato un approfondimento diagnostico. Sono state riscontrate anche alcune criticit?: il concetto di elemento attivo nella tutela della propria salute, da parte del cittadino, tarda a diventare condizione principale di comportamento, al punto che l'adesione a momenti divulgativi ed informativi, in tema di salute e malattia, risulta sempre troppo scarsa. Inoltre, non sono mancate le difficolt? soprattutto per quel che riguarda il raggiungimento delle fasce pi? deboli, gli extra-comunitari e le zone rurali.

Elementi di innovazione:
I principali problemi per i quali la donna disattende la diagnosi precoce sono sicuramente la scarsa informazione e la difficolt? di avere in tempi brevi visite e colloqui con lo specialista. Il progetto secondo la sua formulazione ? in grado di eliminare questi problemi, dato che l?accesso agli ambulatori avviene senza attesa e prenotazione. In particolare, ? da notare la presenza costante e fondamentale di un medico donna per le extra-comunitarie. Altro elemento di innovazione ? stato senz'altro il call center, gestito da personale qualificato, che ha dato la possibilit? ad oltre 300 donne di essere informate del servizio offerto. Inoltre la presenza delle volontarie Andos impegnate nell?accoglienza, con la loro caratteristica peculiare di ex-malate, permette di affrontare la paura da diagnosi attraverso il colloquio, il contenimento dell?ansia, la comprensione e la capacit? di testimoniare l?efficacia della cura.

Monitoraggio:
E? stato effettuato un report di valutazione finale. E? stata inoltre svolta, per ogni visita senologica, la compilazione, da parte del medico, di una scheda clinica che ha fornito dati interessanti per valutare la reale adesione della popolazione alle campagne di informazione, sensibilizzazione e diagnosi precoce. Questo ha permesso inoltre di valutare, nel confronto con l?anno precedente, l?efficacia della ripetitivit? del progetto.
Report generato il 26/01/2021 alle ore 10:17:59 dalla banca dati di CSV Rovigo